Archivio di febbraio 2014

Gli animali dovrebbero avere diritti legali?

giovedì, 27 febbraio 2014

Persino nel Medioevo accadeva…

Articolo di Alecia Simmonds

Nel 1587 un gruppo di scarafaggi fu portato in tribunale con l’accusa di aver rovinato un vigneto. Il processo si svolse con tutti gli onori del caso: furono presentate prove e testimonianze da entrambi le fazioni. Possiamo desumere, dato che nel Medioevo era pratica comune includere gli animali nei processi, che gli scarafaggi ebbero a disposizione un avvocato che agisse in loro difesa. Dopo alcuni giorni l’udienza si concluse e gli scarafaggi furono assolti. Il giudice ritenne che stessero semplicemente esercitando il loro diritto naturale a sfamarsi.
(altro…)

China goes to Africa

giovedì, 20 febbraio 2014

I nuovi colonialisti

Secondo quanto afferma la primatologa Jane Goodall, la Cina al pari degli antichi colonizzatori europei sta sfruttando pesantemente le risorse dell’Africa con effetti disastrosi per l’ambiente.

Alla vigilia del suo ottantesimo compleanno, l’attivissima primatologa britannica – da sempre in prima linea nella difesa dei suoi amati scimpanzé e del loro habitat – sta girando in tutto il mondo con una serie di conferenze sulle minacce che lo sfruttamento intensivo delle risorse naturali causa al nostro pianeta.
(altro…)

50 milioni di vegetariani in Cina

venerdì, 14 febbraio 2014

Un paese che cambia rapidamente.

Incoraggiati dalle campagne di protezione animale e dagli insegnamenti buddisti, oltre 50 milioni di cinesi hanno sfidato la radicata tradizione carnivora decidendo di diventare vegetariani e facendo della nazione comunista uno dei paese con un tasso di crescita dei green eaters fra i più alti del pianeta.

Nonostante non esistano statistiche ufficiali relative alla popolazione cinese vegetariana, la Radio Pubblica Internazionale, un’organizzazione multi-media indipendente e non profit, ha recentemente riferito che la popolazione cinese vegetariana ha raggiunto i 50 milioni, secondo le stime riportate dall’agenzia Xinhua News.
(altro…)

Un’altra vittima della Medicina Tradizionale Cinese

giovedì, 6 febbraio 2014

Leoni trofei di caccia.

Il dibattito pubblico sulla caccia sportiva s’infiamma in Sudafrica. Anche i paesi finitimi hanno visioni contrastanti sul problema. Per esempio in Kenia questo tipo di pratica è stata bandita già nel 1977,  mentre al confine con la Tanzania di essa se ne fa un grande business attivamente incoraggiato.

Chi si schiera a favore della caccia sportiva sostiene che questa svolge una funzione positiva per la conservazione delle specie, dato che i soldi così ottenuti vengono reinvestiti in attività di protezione degli animali e permettono di tutelare la fauna selvatica dalle continue ingerenze dell’uomo.
(altro…)