Archivio di luglio 2011

Carta canta e addio alle tigri

mercoledì, 27 luglio 2011

Le immagini che vedete hanno fatto in poco tempo il giro del mondo, anche perchè la straziante agonia del meraviglioso animale, ormai perduto alle glorie di pianeta perso, dovrebbe far suonare più di un campanello d’allarme sulle sorti della terra che calchiamo. E la sofferenza è talvolta un’estrema chiave di comprensione dei nostri mali.
(altro…)

Liberati tre cuccioli destinati alle fattorie della bile

venerdì, 22 luglio 2011

Il piccolissimo Murphy, scampato a una fattoria della bile

I sogni sono desideri, più volte a suggello di una bella fiaba; raramente però, anche nella vita reale. E proprio mentre con ardore s’inaugurava nella bella Riccione la mostra dedicata agli orsi della luna, dall’altra parte del mondo qualcosa di grande e inaspettato prendeva forma.

Ogni nuovo esemplare che giunge nei nostri santuari, sottratto alla misera fortuna che lo attende e scampato agli orrori delle fattorie della bile, regala sempre tremende emozioni. Quasi che a riviver in quella sorte mutata fossero i destini di un’intera specie.

 

(altro…)

Gli orsi della luna arrivano a Riccione

lunedì, 18 luglio 2011

Cari amici,

è tempo di mare e ombrelloni, bibite rinfrescanti e vacanze. Eppure, fra un bagno e l’altro, c’è spazio per riflettere sulla condizione dei nostri orsi della luna.

Per questo la mostra di Animals Asia Foundation Save me from sickening medicine, dal 21 luglio al 7 agosto, dopo Genova, Alassio, Napoli, Palermo e Bologna, fa capolino nella splendida e rovente Riccione.

La più ambita meta turistica estiva d’Italia per l’occasione aprirà le porte a questa importante iniziativa culturale, con lo scopo di promuovere in itinere un dramma ancora sconosciuto nel nostro paese.
(altro…)

Il pensiero che crea

venerdì, 15 luglio 2011

di Melania Costa

L’uomo oggi è sconnesso, è diventato una macchina che sfrutta l’ambiente a suo vantaggio. Per questo diventa importante ri-creare un nuovo rapporto con la vita in tutte le sue forme”.

Paola Biato ha realizzato per gli orsi della luna il CD “Habraq ad habra”, in aramaico propriamente creo quello che dico, un lieto omaggio (onirico) al mondo perduto di questi sfortunati giganti, simbolo delle più ardite ambizioni umane. Habraq ad habra, il pensiero che crea, contiene un rilassamento psicofisico con la luce e una  visualizzazione creativa che favorisce la sintonizzazione in onde theta, uno dei cinque tipi di onde cerebrali prodotte dal nostro cervello (beta, alpha, theta, delta e gamma). In particolare, le onde theta riguardano quella parte della nostra mente che si trova a metà tra il conscio e l’inconscio, e condizionano le credenze e il comportamento.

(altro…)

Stai pensando alle vacanze? Vieni con noi nella terra degli orsi!

giovedì, 14 luglio 2011
Il prossimo novembre parti con Animals Asia alla scoperta dei misteri delle terre del Sichuan e vieni con noi a conoscere gli orsi della luna. Jill Robinson in persona ti accompagnerà in un tour unico e indimenticabile nel Moon Bear Rescue Centre di Animals Asia a Chengdu, dove potrai finalmente incontrare Emma, Jasper, Oliver, Cesar e i loro amici. 

Noi abbiamo già preparato le valige, tu cosa aspetti?

Per maggiori informazioni e per scaricare il programma di viaggio:
http://www.animalsasia.org​/index.php?UID=NTIO8XF5TDB

Per prenotazioni:
info@animalsasia.it
+39 010 2541998

Incontro Oriente Occidente

giovedì, 14 luglio 2011

Cari amici,

vi segnaliamo un importante evento che promuove il dialogo fra Oriente e Occidente, aspetto molto importante per la creazione di un punto di vista comune sulla questione dei diritti animali, aldilà e oltre i presupposti scientifici e le filosofie sottese alle rispettive, millenarie, culture.

Due giornate di conferenze e momenti di dibattito durante le quali esponenti delle tradizioni spirituali e religiose e del pensiero laico e scientifico affronteranno i temi della pace, delle vie per l’elevazione del benessere e della consapevolezza individuale e collettiva, del corretto rapporto dell’uomo con l’ecosistema di cui è parte integrante, nel rispetto del multiforme patrimonio culturale di cui si compone la nostra civiltà. Animals Asia Foundation sarà presente con uno stand organizzato dalle nostre Simona ed Elisa del gruppo di supporto romano.

Il convegno si svolgerà dalle 16:00 alle 20:00 di venerdì 15 luglio e dalle 10:00 alle 20:00 di sabato 16 luglio con la partecipazione straordinaria di Swami Kriyananda e Sri Tathata.

Nella serata del 15 luglio nella ricorrenza di Gurupurnima si terrà a partire dalle 20:30 una spettacolo di danze e canti indiani.

Ingresso libero.

Non mancate!

Dignità in palio

mercoledì, 6 luglio 2011

Kim, Olio su cartone telato, 40 x 35, Alfio Cioffi

Egregio Signor Sindaco,

la scossa questa volta dovrebbe giungerLe non proprio attesa, all’ombra di una fortuna per la quale la Sua città vorrebbe cingersi d’alloro. Balzana davvero questa pretesa, come il bianco e il nero di una bandiera che in queste circostanze sarebbe opportuno abbrunare.

In quale modo, ci chiediamo, è dato celebrare l’ostensione di una cultura che espone al pubblico ludibrio la sofferenza e la morte, ancorché picarescamente rappresentate? E’ forse questa l’idea di humanitas che il privilegio della tradizione con albagia concede a chi di essa conserva memoria? Non di genti, di pietà e progressive sorti si dovrebbe allora parlare, perché la ritualità qui espressa, perso l’antico valore col mutare delle emozioni, è ora soltanto elemento di ripugnanza e mezzo di offesa: obliata la sua forza vitale si fa piuttosto strumento di accusa nei confronti dell’uomo stesso e della sua dignità.

Non è forse la tradizione che gelosamente conserviamo, nient’altro che una storia dei tradimenti passati, l’autentica espressione della nostra libertà di fronte al mondo che si presenta come finito, completo, dato e pronto?

Ogni concezione umana si muove nel solco di una polarità dialettica con i segni, i simboli e la cultura in precedenza elaborata, che diventano il punto di partenza per il raggiungimento di ambiziosi traguardi e nuove concezioni dell’etica e della giustizia. In questo affascinante percorso, la tradizione come consuetudine e ordine che si ripete immutato, imponendosi per il suo carattere metastorico, non ha in vero alcun riferimento con la realtà; si tratta semmai di una rinuncia alle possibilità della ragione, alla propria capacità di autodeterminarsi.

La tradizione non denota uno stato ma piuttosto un’attività. E’ principalmente tràdere, ossia consegnare, affidare, e suggerisce un passaggio nel tempo; essa implica inoltre la traduzione, ovvero la capacità di traducere, condurre aldilà e oltre il messaggio ricevuto.

Una macabra estetica della fruizione governa invece il palio e le sue mosse, mostrando con vile spregio il suo legame con le atrocità passate. Come se il sacrificio che tanto piace a questa bizzarra fede, da solo bastasse a cancellare anche ogni umano sentire, e quell’ideale di eudemonia che il nostro secolo a ogni latitudine con affanno cerca di affermare; né la questione potrebbe essere equidistante, dall’identità di un popolo nella comune e ormai mutata coscienza collettiva, che unanimemente ripudia l’esercizio barbaro della forza per il triste deliquio della folla, e dalla sorte di queste martoriate bestie, prima esibite e poi neglette.

La ritualità che si esprime in tali gesti, diventando dottrina, credenza e legge, è purtroppo un segno di dieresi posto sopra un’intera cultura, in un terreno dove il bene e il male, la libertà e i valori, non hanno importanza né interesse.

Verrà un giorno, ne siamo convinti, in cui questo Vostro sentire, che nella sopraffazione celebra l’unione, nella diversità il disprezzo, nel gioco della tirannia la propria catarsi, all’improvviso suonerà ripugnante e degno di biasimo. Verrà un giorno in cui gli animali ancora visti come oggetti saranno percepiti come creature viventi dotate di capacità di amare e di soffrire, di una propria dignità e del diritto di avere un loro posto nel mondo, lontano da ogni divertita crudeltà umana.

Distanti Saluti,

Antonello Palla

*Ringraziamo l’artista Alfio Cioffi per averci gentilmente concesso l’utilizzo dell’immagine qui pubblicata.