Archivio di febbraio 2011

Progetto lupo, salviamo Oscar

venerdì, 25 febbraio 2011

lupoNessun animale più del lupo, è stato odiato, calunniato e perseguitato dall’uomo. Braccato e sterminato per secoli senza pietà né quartiere, impiccato e impalato sulle pubbliche piazze, ucciso con ogni mezzo possibile: fucili, lacci, tagliole, fino ai micidiali bocconi avvelenati.

Il lupo è stato trascinato in Europa fino ai limiti della totale estinzione.

Eppure, a dispetto dell’odio e delle violenze di cui è vittima, nonostante severe leggi che lo proteggono vietandone l’uccisione, la cattura, la distruzione delle tane e il commercio degli esemplari e dei loro derivati, malgrado l’incessante devastazione del suo ambiente naturale, il lupo, l’ostinato, coraggioso, intelligentissimo, indomito lupo, si è riaffacciato nel nostro mondo grazie alla volontà di lungimiranti esperti e associazioni protezionistiche che attraverso un duro lavoro pionieristico, e rigorosamente scientifico, ne hanno ricostruito la popolazione autoctona.

Ma ora che il lupo è ritornato a ululare nei nostri boschi, l’immagine fosca dei suoi attacchi agli armenti e ai pascoli liberi anche in zone antropizzate e talvolta vicine alle zone costiere, si ripresenta facendo nuovamente gridare: al lupo…al lupo!
(altro…)

Operette amorali

venerdì, 18 febbraio 2011

MAIALINI e SCROFEIn cielo le nuvole altissime, quasi a disegnare inaspettati e stravaganti confini. Lungo i prati dai quali si ode il dolce profumo del laghetto, spighe di grano maturo ondeggiano trasportate da una sinuosa brezza. Immagini di donne dai fianchi larghi e possenti s’infrangono sui tetti delle casette colorate. Il caldo dei giorni di maggio abbassa il suo sguardo giallo cedendo al tramonto tra gli angoli del paese sospeso. Nessun rumore se non il cigolio di cardini arrugginiti.

Minuscolo e pittoresco su una rupe di tufo tra i boschi, con fitte foreste di macchia mediterranea e vasti campi ove si pratica il pascolo brado, si erge il nostro piccolo villaggio. I bambini a piedi nudi rincorrono festosi il canto dei passerotti. L’umile felicità rende cara ogni scena, il capanno riparato, la fattoria coltivata, il mulino operoso. La natura di quando in quando esercita i suoi diritti anche sui cuori più svogliati.

Tali rappresentazioni risvegliano in noi quella originaria e dolcissima propensione verso i luoghi dell’innocenza, sopita bensì in molti ma mai del tutto estinta. Vediamo in questo modo sempre dipinte dal vivo le bellezze della natura, la semplicità dei costumi campestri, il riposo dell’anima.

Non sembra questa anche a voi l’immagine di un felice suino che grufola in libertà nel terreno alla ricerca di tuberi e ghiande?

E’ possibile farsi un’idea di qual è la vera vita di un maiale in un allevamento prestando attenzione al seguente filmato:
Investigazione negli allevamenti di maiali (altro…)

Gli incontri dell’etica

giovedì, 17 febbraio 2011

go-veganSabato 26 febbraio ore 16.30

Conferenza: Gli animali nelle tradizioni e credenze popolari

Relatori:

Annamaria Manzoni Psicologa e psicoterapeuta

Antonello Palla Responsabile per la comunicazione di Animals Asia Foundation in Italia

Animals Asia Foundation ospite dell’evento

Presentazione Libri Noi abbiamo un sogno e In direzione contraria autrice A. Manzoni

A seguire verrà servito un rinfresco etico.

Per informazioni: info@eticoetica.org e info@animalsasia.it


Un anniversario speciale

venerdì, 11 febbraio 2011

september 03 002

Sono passati esattamente cinque anni, da quel lontano febbraio del 2006 in cui, malinconicamente, abbiamo dovuto rinunciare al nostro fiero ambasciatore Andrew. Catturato nella foresta con una tagliola che gli aveva reciso una zampa, e costretto per anni in una condizione di sofferenza che travalica i limiti della nostra immaginazione, al suo arrivo al santuario di Chengdu, primo fra tutti gli esemplari che verranno poi progressivamente liberati, ha mostrato da subito mitezza di spirito e un carattere docile. Desideroso di recuperare la mobilità degli arti atrofizzati, le forze che aveva perso, la volontà e la gioia di vivere, ma soprattutto la capacità di perdonare l’uomo, Andrew è diventato il simbolo della volontà dei moon bears di sopravvivere, di riprendersi la loro dignità dopo anni di inaudite torture.

Andrew ora ci guarda dall’alto, mantenendo in vita il sogno di liberazione degli orsi della luna. Sulla sua tomba è stato scritto: “Noi non saremo più deboli senza Andrew, ma più forti grazie a lui”.

(altro…)

Love is blind…and more

giovedì, 10 febbraio 2011

MityanandWilfredJan2011JillCome si dice, l’amore è cieco. E anche qualcos’altro. Siccome ci apprestiamo tutti a festeggiare il giorno degli innamorati, non poteva mancare un riferimento a una nostra coppia, davvero un pò speciale. Nel marzo 2008 a Chengdu, abbiamo forse assistito alla più tragica delle liberazioni mai compiute da Animals Asia in Cina; 18 dei 29 orsi giunti al nostro santuario hanno perso la battaglia per la vita, vittime di questa terribile industria che dovrebbe essere dichiarata criminale, considerando l’agonia e la morte che costantemente provoca. La grandezza del nostro impegno, però, non si giudica dal numero dei caduti ma dalla forza di chi ha coraggio di rialzarsi. Ecco allora il nostro Watermelon, cieco e abbattuto nello spirito, rinchiuso in un’angusta gabbia di ferro e sofferente per le tante umiliazioni subite. Per giorni si è rifiutato di mangiare. Ma non dimenticheremo mai quando, improvvisamente, in quella notte circondata da luminose stelle, ha divorato una fetta di anguria sotto il nostro sguardo stupito. Nei mesi successivi Watermelon è stato ribattezzato Wilfred e nonostante gli eccezionali sforzi dei nostri veterinari, non siamo riusciti a ridargli la vista.Sono stati necessari numerosi interventi di chirurgia e un lungo periodo di riabilitazione, ma lentamente Watermelon si è ripreso e ha nuovamente acquistato confidenza negli esseri umani.Per tutti noi lui è il simbolo del riscatto, della possibilità di ridare a questi splendidi animali un’altra vita, senza tortura e in totale libertà.Si trova nella stanza numero 8 e ha già stretto amicizia con tantissimi orsi. Anche lui, però, ha la sua dolce metà …. e guai a contestarlo!

(altro…)